Dimmi-chi-sei-di-Riccardo-Scandellari-recensione

Dimmi chi sei di Riccardo Scandellari

Ho conosciuto Riccardo Scandellari (Skande) grazie ai suoi post su Linkedin. Dimmi chi sei è stato il suo primo libro che acquistato. Praticamente di getto.

Non lo ringrazierò mai abbastanza perché quei post erano per me la migliore compagnia che potessi avere in quel periodo, durante la mia pausa pranzo in ufficio. Non erano solo spunti di riflessione ma rappresentavano piccoli sassolini lanciati in uno stagno. Questa è esattamente la parola giusta per descrivere le emozioni di quel momento.

Poco a poco i cerchi concentrici che quei sassolini creavano sull’acqua sono diventati sempre più grandi, mi hanno portata a esplorare anche il suo blog. Skande.com è il manifesto di un “marketing elegante, etico e creativo” (cit.). Uno dei blog di business più seguito in Italia.

Da appassionata di libri, eccomi qui a parlare di quello che a mio parere non è solo un libro da leggere ma è un manuale del personal branding da studiare. Ammetto di aver impiegato parecchi giorni a leggerlo perché, in effetti, ho ripassato più volte molti dei concetti enunciati e sottolineato molto.

Ti presento il libro di Riccardo Scandellari, esperto di marketing e personal branding nonché consulente e formatore. Docente presso Scuola Holden, Treccani Futura, IUSVE, CUOA Business School, Mediolanum Corporate University. Relatore ai maggiori eventi italiani in tema di comunicazione digitale e marketing: Philip Kotler Forum, Brand Festival, InspiringPR, SMAU, Automotive Dealer Day, Web Marketing Festival e Social Media Week.

Trama di Dimmi chi sei

La trama di Dimmi chi sei è la tua nuova strategia di comunicazione digitale. Un viaggio che parte proprio dalla risposta alla domanda più difficile alla quale mi sono trovata a rispondere: dire chi sono. Dopodiché raccontarlo. Si, ma come? Soprattutto, è davvero interessante per gli altri chi io sia? Perché?

Tante domande che potranno sembrarti anche banali. Sono proprio i nostri valori a guidare i contenuti che scriveremo. Loro stessi diffonderanno il nostro Chi siamo più per quello che dichiareremo, quello che verrà di noi percepito tra le righe.

Tutto questo saprà fare la differenza sul mercato. Ad una condizione: essere autentici.

Un buon motivo per dare alle persone la possibiltià di immedesimarsi nei nostri valori, è quello di conoscerli noi per primi.

Diversamente, saremo uno o una fra tanti, che cercano di vendere tramite frasi stereotipate che le persone là fuori non hanno più né voglia né tempo di leggere.

Personal branding significa costruire la propria credibilità sul mercato. Dimmi chi sei è il racconto in cui Skande condivide ogni passo del suo personale piano di lavoro. Allora, ti starai chiedendo, perché non sono tutti famosi? È sufficiente leggere il suo libro?

So che non sei così ingenuo e che conosci già la risposta: si chiama costanza e cammina a braccetto con la perseveranza.

Riccardo ci dice che per trarre reddito dal nostro blog abbiamo bisogno solo di 1.000 follower.

A pensarci, si tratta di coltivare almeno 3 contatti al giorno e, in un anno, avremo costruito una base di follower di circa 1.000 persone. Non mille persone che mettono un like ai nostri post bensì che siano disposti a pagare per acquistare il nostro prodotto o servizio.

Skande, fa di più, svela nel suo libro tutte le tecniche per farlo.

Puoi scegliere quale tipologia di comunicatore essere: ostentativo, autocelebrativo o utile. Stiamo pensando la stessa cosa, vogliamo essere utili. Del resto, non è questo il motivo per cui io e te seguiamo determinate persone? Perché cerchiamo informazioni utili, recensioni, tutorial, corsi, tips e rubriche.

Se ti stai chiedendo come scrivere contenuti utili, prova a pensare alle domande che poni tu stesso nelle tue ricerche in rete.

Il personal branding è il tuo marchio di fabbrica. Da che cosa vuoi essere riconosciuto?

Dimmi chi sei tirerà fuori la tua autenticità. Non ti aiuterà a scegliere né decidere quale maschera indossare.

La mia Recensione sul libro di skande

“Dimmi chi sei” è una delle domande più difficili a cui mi sono trovo a rispondere continuamente.

Io sto ancora provando a darmi una risposta, ad essere sincera. Probabilmente, quando smetterò di farlo, significherà che avrò smesso di mettermi in discussione. Quindi quest’ottica di ricerca dell’eterno equilibrio, mi fa sentire appagata di non essermi ancora rassegnata ad “essere” piuttosto che “divenire” ogni giorno di più.

La vera conquista sta nel raccontarci realmente per ciò che siamo e scoprire che è questa la versione che permette agli altri di identificarsi in noi.

La perfezione non avvicina le persone.

La più bella versione di noi resterà appunto un’immagine, forse ci compiacerà ma non servirà a costruire relazioni.

“Dimmi chi sei” è un manuale di personal branding che ci guida dalla presa di coscienza del sé, sino alla definizione di una strategia di comunicazione online.

A chi consiglio questo libro?

A tutti coloro che vogliono apprendere l’arte di fare personal branding: blogger, professionisti, aspiranti imprenditori, aziende.

Lo consiglio fortemente anche a chi svolge un lavoro come dipendente perché il personal branding, soprattutto online, oggi da la possibilità di arricchire il nostro network di contatti. Non di rado, alcuni dipendenti oggi vengono scelti dalle proprie società come Brand Ambassador per via del ritorno in termini di interazioni dei profili personali, rispetto a quelli delle pagine.

Per tutti gli addetti ai lavori in ambito di comunicazione digitale, questo libro è sicuramente da inserire nella propria formazione personale.

Frasi tratte dal libro

“Le persone sono semplici da comprendere: vogliono essere ascoltate, gratificate e apprezzate. Possiamo identificare il principio di qualsiasi attività di marketing in una semplice domanda: Dimmi chi sei.”

“Ci sono persone in ascolto: è necessario avere chiaro chi vuoi essere prima di capire quanto ti costerà diventarlo.”

“Questa non è più l’era dei follower, ma delle connessioni vere, in cui l’esigenza primaria, come creatore e distributore di contenuti, è comprendere esattamente ciò che il lettore si aspetta per rimanere connesso a te.”

Puoi leggere anche…

Ti lascio con 3 suggerimenti di lettura sempre inerenti il tema del personal branding, ovvero come creare una brand identity.

  • Sempre di Riccardo Scandellari, Rock’n’Blog e Fai di te stesso un brand, edito da Flaccovio Editore.
  • &Love Story di Salvatore Russo, edito da Roi Edizioni. Salvatore è un Brand Builder e saprà darti tutti gli spunti più concreti per preparare il tuo piano d’azione e “far profumare di buono il tuo brand” (cit. S. Russo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.